SALE E LUCE

 

Molti anni fa viveva in Germania una coppia molto ricca; la moglie era credente, ma il marito aveva sempre rifiutato il messaggio della salvezza.

L’uomo era dedito al vino e aveva l’abitudine di passare tutte le sere al bar, fino alle prime ore del mattino.

Ogni sera la moglie aveva l’abitudine di mandare la servitù a letto e restare alzata per aspettare il marito, che molto spesso tornava a casa ubriaco fradicio.

Lo accoglieva con gentilezza, non si lamentava mai, né lo rimproverava.

A volte doveva perfino aiutarlo a svestirsi e a mettersi a letto.

Una notte, mentre erano all’osteria, l’uomo disse ai suoi compagni di bevute: “Scommettiamo che, se andiamo a casa, mia moglie sarà ancora alzata per aspettarmi. Verrà alla porta e mi accoglierà gentilmente, e, se glielo chiedo, sarà perfino capace di preparare la cena”.

All’inizio gli amici erano scettici, ma alla fine decisero di andare a vedere.

Come sempre la donna andò ad aprire la porta e li accolse con gentilezza.

Accettò di cucinare per tutti, senza nessun segno di impazienza o di risentimento.

Dopo averli serviti, se ne andò in camera sua.

Appena se ne fu andata, uno degli uomini cominciò a rimproverare il marito: “Ma che razza di uomo sei per trattare così duramente una donna tanto gentile?”, poi si alzò e uscì fuori nella notte senza toccare cibo.

Subito dopo un altro lo seguì, poi un altro ancora e così via finché non restò nessuno se non il marito.

Passò circa mezz’ora e poi, improvvisamente quel marito divenne profondamente convinto di peccato.

Andò nella stanza della moglie, le chiese di pregare per lui e per il perdono dei suoi peccati.

Quella sera quel marito ubriacone diede il suo cuore al Signore, divenendo una nuova creatura.

Matteo 5:13-16: “Voi siete il sale della terra; ma, se il sale diventa insipido, con che lo si salerà? Non è più buono a nulla se non a essere gettato via e calpestato dagli uomini. Voi siete la luce del mondo. Una città posta sopra un monte non può rimanere nascosta, e non si accende una lampada per metterla sotto un recipiente; anzi la si mette sul candeliere ed essa fa luce a tutti quelli che sono in casa. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, affinché vedano le vostre buone opere e glorifichino il Padre vostro che è nei cieli”.

A risentirci la prossima settimana!

 

Video di presentazione
Prossimi eventi
  • Nessun evento programmato
Chiamata al cordoglio
immagine
Ultimo aggiornamento
Parole di vita
Radio Evangelo
Chiudendo questo avviso o continuando comunque la navigazione in questo sito internet, consenti che vengano eventualmente utilizzati cookies tecnici, analitici o di profilazione anche di terze parti. Per notizie più approfondite, consulta le informazioni contenute nel box Privacy e Cookies in basso a destra in questa pagina. Leggi subito | Chiudi