L’espressione di un desiderio

 

“… gemiamo dentro di noi, aspettando l’adozione, la redenzione del nostro corpo” Romani 8:23

 

Questo gemito è universale tra i santi: chi più, chi meno, tutti lo sentiamo.

Non è il gemito del lamento o del risentimento, è piuttosto l’espressione di un desiderio più che di un dolore.

Avendo ricevuto la caparra, desideriamo l’intera nostra parte d’eredità, desideriamo che tutto il nostro essere, spirito anima e corpo, sia liberato dal’ultimo residuo della caduta, aneliamo eliminare la corruzione, la debolezza e il disonore per rivestirci della incorruttibilità, della gloria e del corpo spirituale che il Signore Gesú concorderà ai Suoi figli.

Bramiamo la manifestazione della nostra adozione come figli di Dio.

Gemiamo, ma è un gemere in noi stessi.

Non è il gemito dell’ipocrisia che vorrebbe farsi credere santo, mentre è disonesto.

I nostri gemiti sono cose sacre, troppo sante per essere rese pubbliche; noi teniamo i nostri sospiri soltanto per il Signore.

L’apostolo ricorda poi che stiamo “aspettando”, perciò impariamo a non essere petulanti come Giona o come Elia, quando dicevano: “Voglio morire”, e neppure dobbiamo piangere sospirare per la fine della vita perché siamo stanchi di lavorare, né desiderare di fuggire dalle nostre attuali sofferenze fino a quando non sarà compiuta la volontà del Signore.

Dobbiamo gemere per la glorificazione, ma dobbiamo aspettare pazientemente per essa, aspettando che ciò che il Signore decide è sempre la cosa migliore.

Aspettare significa essere pronti, stare alla porta attendendo che l’Amato apra e ci accolga a Sé.

Questo gemere è una prova.

Si può giudicare un uomo da come si lamenta.

Alcuni gemono per le ricchezze, essi adorano Mammona; altri si lamentano continuamente per le afflizioni della vita: sono soltanto impazienti: ma chi sospira per stare vicino a Dio, quello è un uomo benedetto.

Che il Signore possa aiutarci a gemere per la venuta del Salvatore e per la risurrezione che Egli ci porterà.

Dio ti benedica.

A risentirci la prossima settimana.

 

Seguici anche su Facebook
Video di presentazione
Chiamata al cordoglio
immagine
Ultimo aggiornamento
Parole di vita
Radio Evangelo
Chiudendo questo avviso o continuando comunque la navigazione in questo sito internet, consenti che vengano eventualmente utilizzati cookies tecnici, analitici o di profilazione anche di terze parti. Per notizie più approfondite, consulta le informazioni contenute nel box Privacy e Cookies in basso a destra in questa pagina. Leggi subito | Chiudi