Il fondamento della pace

 

“Giustificati dunque per fede, abbiamo pace con Dio per mezzo di Gesù Cristo, nostro Signore” (Romani 5:1)
“Avendo fatto la pace mediante il sangue della croce d’esso” (Colossesi 1:20)

 

I fondamenti della redenzione e della pace furono posti al Calvario, quando il nostro Signore morì per i peccati del mondo.

Ci si potrebbe chiedere, visto che il sangue di Cristo rappresenta la Sua anima data per i peccatori, come questo meraviglioso sacrificio di Sé possa costituire una base per la pace.

È impossibile fornire una risposta completa a questa domanda in considerazione della nostra conoscenza così limitata.

È una delle cose segrete che appartengono al nostro Signore, che al momento ci sono nascoste, per essere rivelate quando avremo accresciuto la nostra consapevolezza.

Ma non pensiamo che lo spargimento del sangue di Cristo fosse necessario per renderci amabili agli occhi di Dio o per appagare la Sua ira e il Suo dolore e che soltanto per questo Egli abbia emanato un editto di redenzione.

“Iddio riconciliava con sé il mondo in Cristo”.

Il Padre non ci ama perché Gesù morì, ma Egli andò sulla croce a motivo dell’amore di Dio per noi, avendoci scelti per essere eredi congiuntamente con il Suo Figliuolo.

Ma c’è una condizione che dev’essere rispettata.

Il diritto a quella pace è garantito solamente a coloro che credono.

Siamo giustificati per fede; abbiamo pace unicamente attivando la nostra fede.

L’apostolo ci ricorda chi è il tramite di tutto ciò “. . . Per mezzo del nostro Signor Gesù Cristo, per il quale abbiamo ora ottenuto la riconciliazione” (v. 11).

La redenzione è completa; non dobbiamo far altro che riceverla.

La riconciliazione che garantisce la pace è cosa fatta, dobbiamo solo afferrarla.

“Perché, se per il fallo di quell’uno la morte ha regnato mediante quell’uno, tanto più quelli che ricevono l’abbondanza della grazia e del dono della giustizia, regneranno nella vita per mezzo di quell’uno che è Gesù Cristo”.

Quando riceviamo la vita eterna e lo Spirito Santo con un cuore grato e aperto, confidando per fede sulle promesse divine, abbiamo accesso a questa grande eredità di pace.

Solo allora le elargizioni di Dio, i doni della Sua grazia e della Sua natura, diventeranno nostri.

Dio ci benedica.

A risentirci la prossima settimana.

 

Video di presentazione
Prossimi eventi
  • Nessun evento programmato
Chiamata al cordoglio
immagine
Ultimo aggiornamento
Parole di vita
Radio Evangelo
Chiudendo questo avviso o continuando comunque la navigazione in questo sito internet, consenti che vengano eventualmente utilizzati cookies tecnici, analitici o di profilazione anche di terze parti. Per notizie più approfondite, consulta le informazioni contenute nel box Privacy e Cookies in basso a destra in questa pagina. Leggi subito | Chiudi